Grafica Alta leggibilità Solo testo Change language

TORINO GREEN AIRPORT

22,0°C | 71,6°F

Progetti conclusi (2010 - 2020)

  • Dal 2010 sono stati condotti una serie di interventi capillari sui fabbricati rendendoli più sostenibili e meno energivori.
  • Dal 2010 sono stati messi sotto inverter molti sistemi e sostituito sistemi di continuità, scale mobili, motori e sistemi di pompaggio aggiornandoli con tecnologie a ridotto consumo energetico.
  • Dal 2010 sono state effettuate campagne di sostituzione dei corpi illuminanti con sistemi a led.
  • Dal 2011 al 2017 è stato progressivamente aggiornato il sistema di condizionamento del terminal passeggeri creando un anello di raffreddamento alimentato da 2 centrali che si bilanciano a seconda delle necessità energetiche.
  • Dal 2012 si è progressivamente intervenuti sul sistema automatizzato di trasporto bagagli che ha 3,3 km di nastri mossi da quasi mille motori elettrici. Fra i vari progetti spicca un’idea unica nel panorama di settore: poiché il flusso di bagagli non è costante nel tempo, è stato sviluppato un sistema che permette di accumulare i bagagli in svariate stazioni di holding, al riempimento delle quali si attiva il movimento delle porzioni di nastro utili, con notevole risparmio energetico.
  • Dal 2018, in collaborazione con Enerbrain (Spin-off del Politecnico di Torino), è stato realizzato un sistema IOT di regolazione intelligente del comfort climatico dell’Aerostazione Aviazione Generale: il sistema elettronico regola gli impianti di climatizzazione e riscaldamento acquisendo i dati dalle sonde installate in tutto il fabbricato, ottimizzando in continuo le condizioni ambientali in maniera intelligente. L’installazione di Enerbrain ha consentito risparmi sui consumi di energia elettrica e di gas naturale superiori al 30%.
  • Dal 2018 vengono progressivamente implementati sistemi di gestione e controllo adattivi degli impianti di illuminazione di fabbricati e piazzali al fine minimizzare le ore di funzionamento e i consumi.
  • Dal 2019 sono stati rimodulati e aggiornati i sistemi di riscaldamento a servizio dei fabbricati periferici in modo da renderli meno energivori.