Grafica Alta leggibilità Solo testo Change language

TO LIVE

4,0°C | 39,2°F

COVID-19: informazioni utili per il viaggio

Torino Airport ti aspetta in tutta sicurezza: di seguito tutte le informazioni utili per il tuo viaggio da e per Torino.

Per ogni specifica informazione ricordiamo di consultare la sezione "Domande Frequenti - FAQ" sulle misure adottate dal Governo e la sezione dedicata sul sito Viaggiare Sicuri.

Ricordiamo ai passeggeri che, a seguito dell'entrata in vigore del decreto-legge del 23 luglio 2021 n. 105, a partire da venerdì 6 agosto per accedere ai tavoli di ristoranti e bar sarà necessario possedere ed esibire il Green Pass agli operatori.
Non sarà invece richiesto per il servizio da asporto e per la consumazione al bancone di bar, ristoranti e gelaterie.

Passeggeri in partenza

Tutti i passeggeri che si imbarcano su voli sui quali si deroga al distanziamento sono tenuti a consegnare al vettore l’autodichiarazione COVID-19.

Tutti i passeggeri in partenza per l'estero sono tenuti a esibire il Green Pass.

ATTENZIONE: Il mancato rispetto delle norme sanitarie e la mancata compilazione e consegna dei documenti sanitari richiesti potrebbero comportare il mancato imbarco.

Invitiamo i passeggeri in partenza a verificare i documenti richiesti per l'ingresso in ogni singolo stato sul sito www.traveldoc.aero

Voli nazionali

Ricordiamo ai passeggeri che, in ottemperanza al Decreto Legge n.111 del 6 agosto 2021, a partire dal 1° settembre 2021 è obbligatorio esibire il Green Pass anche per i voli nazionali.

Si ricorda ai passeggeri di compilare l'Autodichiarazione COVID-19 (scaricabile qui) da consegnare al vettore prima della partenza.

Ricordiamo di verificare eventuali disposizioni aggiuntive da parte delle Regioni di destinazione, contattandole direttamente o visitandone i rispettivi siti web.

Destinazioni

Prima di partire, si consiglia di verificare le normative del paese di destinazione. 
Se si è diretti verso un paese europeo, è possibile trovare le informazioni anche sul portale Re-open EU.

Si ricorda ai passeggeri in partenza per Albania, Moldavia e Marocco che sono tenuti a consegnare al vettore l'autodichiarazione COVID-19 (scaricabile qui) e l'autodichiarazione inerente i motivi del viaggio (scaricabile qui).

Passeggeri in arrivo

Tutti i passeggeri in arrivo dall'estero devono disporre di 2 documenti al momento dell'ingresso in Italia:

 

  • Specifico modulo di localizzazione in formato digitale reperibile al seguente link: https://app.euplf.eu/#/ 
  • Green Pass che dovrà essere presentato al vettore all'atto dell'imbarco e a chiunque effettui controlli.

 

Si ricorda che, al fine di agevolare le operazioni di controllo, occorre:

 

  • compilare i moduli cartacei in stampatello maiuscolo;
  • conservare l'esito del test molecolare dopo l’arrivo per eventuali controlli successivi da parte degli Enti competenti.

 

I passeggeri in arrivo da Regno Unito e Irlanda del Nord, o che vi abbiano anche solo transitato, hanno l'obbligo di:
 

  1. Compilare il modulo di localizzazione in formato digitale reperibile al seguente link: https://app.euplf.eu/#/

  2. Presentare al vettore, all’atto dell’imbarco, e a chiunque sia deputato a effettuare i controlli, la certificazione “verde” COVID-19 (Green Pass).

  3. Presentare al vettore, all’atto dell’imbarco, e a chiunque sia preposto a effettuare i controlli, un certificato che attesti il risultato negativo di un test molecolare o antigenico, condotto con tampone, effettuato nelle 48 ore precedenti l’ingresso in Italia, da mostrare a chiunque sia preposto ad effettuare questa verifica.

In caso di mancata presentazione delle certificazioni indicate ai punti 2 e 3, è comunque possibile entrare in Italia ma è fatto obbligo di:
 

  • Sottoporsi a isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria (informando la ASL competente per attivare la sorveglianza) presso l’indirizzo indicato nel dPLF, per un periodo di 5 giorni.
  • Effettuare un ulteriore test molecolare o antigenico, condotto con tampone, al termine dei 5 giorni di isolamento. 

 

Si avvisano i passeggeri che sono vietati l'ingresso e il transito nel territorio nazionale alle persone che nei 14 giorni antecedenti hanno soggiornato o transitato in Sudafrica, Lesotho, Botswana, Zimbawe, Mozambico, Namibia, Eswatini, ad eccezione dei cittadini italiani che abbiano residenza anagrafica in Italia a condizione che non manifestino sintomi da COVID-19 e con l'obbligo di:

 

  • presentazione al vettore al momento dell'imbarco e a chiunque è deputato a effettuare controlli, del Passenger Locator Form in formato digitale mediante visualizzazione dal proprio dispositivo mobile oppure in copia cartacea stampata;
  • presentazione al vettore all'atto dell'imbarco e a chiunque sia deputato ad effettuare i controlli, della certificazione di essersi sottoposti, nelle settantadue ore antecedenti all'ingresso nel territorio nazionale, a un test molecolare, effettuato per mezzo di tampone e risultato negativo;
  • sottoposizione a un test molecolare o antigenico, da effettuarsi per mezzo di tampone, al momento dell'arrivo in aeroporto, porto o luogo di confine: in caso di esecuzione di test molecolare o antigenico, il soggetto è comunque tenuto in isolamento fino all'esito dello stesso;
  • sottoposizione a isolamento fiduciario presso l'indirizzo indicato nel Passenger Locator Form per un periodo di dieci giorni;
  • obbligo di effettuare un ulteriore test molecolare al termine dei dieci giorni di isolamento.

 

Coloro che si trovano nel territorio nazionale e che nei quattordici giorni antecedenti alla presente ordinanza hanno soggiornato o transitato in Sudafrica, Lesotho, Botswana, Zimbabwe, Mozambico, Namibia, Eswatini, anche se asintomatiche, sono obbligate a comunicare immediatamente l'avvenuto ingresso nel territorio nazionale al Dipartimento di prevenzione dell'azienda sanitaria competente per territorio, a sottoporsi a test molecolare, da effettuarsi per mezzo di tampone nonché a sottoporsi ad isolamento fiduciario per un periodo di dieci giorni, con obbligo di effettuare un ulteriore test molecolare al termine del periodo di isolamento.

Minori

Arrivi dall'estero in Italia

  • I minori di anni 6 sono esentati dalla presentazione della certificazione verde (Green Pass).
  • Dai 6 anni in su, invece, occorre presentare un tampone con esito negativo o la certificazione di avvenuta guarigione.

Partenze nazionali e internazionali

I minori di anni 12 sono esentati dalla presentazione della certificazione verde (Green Pass) fatte salve eventuali documentazioni aggiuntive esplicitamente richieste dal Paese estero di destinazione. 

Prima di partire, si consiglia di verificare le normative del paese di destinazione.

Modulo di localizzazione digitale - Passenger Locator Form dPLF: come compilarlo

  • collegarsi al sito: https://app.euplf.eu/#/ 
  • seguire la procedura guidata per accedere al dPLF
  • scegliere “Italia” come Paese di destinazione
  • registrarsi al sito creando un account personale con user e password (è necessario farlo solo la prima volta)
  • confermare l’account tramite il link arrivato all’indirizzo email indicato (è necessario farlo solo la prima volta)
  • compilare ed inviare il dPLF seguendo la procedura guidata


Una volta inviato il modulo, il passeggero riceverà all'indirizzo e-mail indicato in fase di registrazione, il dPLF in formato pdf e QRcode che dovrà mostrare direttamente dal suo smartphone (in formato digitale) al momento dell’imbarco. In alternativa, il passeggero potrà stampare una copia del dPLF da mostrare all’imbarco.

Il dPLF andrà inviato obbligatoriamente prima dell’imbarco. Sarà comunque sempre modificabile il campo relativo al numero di posto assegnato sul volo.

È necessario compilare un modulo per ciascun passeggero adulto; in caso di presenza di minori quest’ultimi potranno essere registrati nel modulo dell’adulto accompagnatore. In caso di minori non accompagnati, il dPLF dovrà essere compilato dal tutore prima della partenza.

In casi eccezionali, ovvero esclusivamente in caso di impedimenti tecnologici, sarà possibile compilare il modulo cartaceo, da consegnare agli addetti ai controlli in arrivo quando richiesto.

Green Pass

La certificazione verde (Green Pass) implica per il passeggero il possesso di un’attestazione in lingua inglese o italiana che documenti  uno dei seguenti requisiti:
 

  • aver concluso un ciclo  completo di vaccinazione anti COVID-19. I vaccini anticovid autorizzati Ema sono BioNTech e PfizerModernaAstraZeneca Janssen Pharmaceutica NV.
  • aver effettuato la prima dose o il vaccino monodose da 15 giorni;
  • dichiarazione da parte dell’ospedale o del medico curante appartenente ad una struttura pubblica o accreditata del Paese di provenienza di essere guariti dalla malattia Sars Cov 2 da 14 giorni fino a sei mesi prima dell’arrivo in Italia;
  • avere effettuato un tampone (antigenico o molecolare) con esito negativo presso un centro accreditato dal Paese di provenienza entro 48 ore dalla partenza.
     

La certificazione verde, valida esclusivamente per i paesi UE, abbinata al modulo di localizzazione digitale, permette di evitare file e/o controlli.

Per eventuali esenzioni o domande frequenti, si invita a consultare la sezione del sito dedicata https://www.dgc.gov.it/web/faq.html#verifica19